Comune di Costacciaro

by umbria citta on

Castrum Costacciarii, antico castello a ridosso del massiccio del Monte Cucco, lungo la consolare via Flaminia. Fu acquistato intorno alla metà del XIII secolo dal libero Comune di Gubbio che lo ampliò e ne potenziò la struttura difensiva con la costruzione di una nuova cinta muraria e di un sistema di torri e porte, ancora esistenti. Quando Gubbio, nel 1348 si assoggettò spontaneamente ai Montefeltro, Costacciaro divenne l’estremo baluardo del Ducato di Urbino. Il Duca Federico II si preoccupò di migliorarne le difese con la costruzione del “rivellino”, un bastione dalla singolare forma a prua di nave, progettato e realizzato alla fine del XV secolo, dall’architetto

Francesco di GiorgioMartini da Siena. La Torre civica, con la porta di ingresso al paese, costruita nel XIII secolo e perfettamente conservata, la Torre in “Via della Roccaccia”, parte integrante del sistema difensivo murario, recentemente ristrutturata e la chiesa di San Francesco in pietra calcarea del monte Cucco, del XIII secolo, sono i monumenti più belli del paese. Nel centro storico c’è un antico frantoio dell’olio del secolo XVII, oggi di proprietà comunale, funzionante fino al 1960, costituito da una macina per la pigiatura dell’oliva e per la spremitura con una poderosa trave di legno, ancorata ad un enorme contrappeso di pietra.

Frazioni e Località: Costa S. Savino, Villa Col de’ Canali, Rancana.

Written by: umbria citta